L’acqua, un bene prezioso che deve essere salvato

Riduzione dei rifiuti

Distribuzione del nostro consumo medio giornaliero pro capite:

  • Cura del corpo, doccia, bagno 48L/d WC 43L/d
  • Altro 3L/d Lavatrice: 16L/d
  • Bere e cucinare 3L/d Giardino 6L/d
  • Piatti 15L/d Lavaggio di pulizia 3L/d

Il 53% dell’acqua consumata non richiederebbe un trattamento (sopra in rosso).

Consumo annuo pro capite: 46m3 o 46000L (confronta con la tua bolletta).

 

Un dato allarmante: solo il 7% dell’acqua potabile che esce dai nostri rubinetti, trattata dai nostri complessi e costosi impianti di trattamento, viene utilizzata per scopi alimentari (cucina + piatti), ma il 93% viene utilizzata per lavare, sciacquare i nostri gabinetti, lavare le nostre auto, innaffiare i nostri giardini…

Quando si sa che in Francia un tetto può raccogliere una media di 700 l di pioggia per m² all’anno, si capisce subito come coprire fino al 53% del proprio fabbisogno in modo rapido e a costi ridotti (sopra in rosso). Filtrando l’acqua raccolta dalle nostre grondaie, stoccandola in un serbatoio interrato preferibilmente se la sua capacità supera i 1.000 l (protezione contro il gelo, t°c estivo con proliferazione batterica), reintroducendola attraverso un sistema di pompe che alimenta un circuito separato di acqua potabile per il riempimento dei servizi igienici, l’irrigazione del giardino, la lavatrice, …

 

Quest’acqua può anche essere resa potabile utilizzando filtri più efficienti (ceramica a carbone attivo o osmosi inversa).

Costo: circa 200 € per un serbatoio in polietilene da 300 l, un filtro, una pompa a mano

  • 3500 € per un sistema completo di alimentazione elettrica domestica (7.500 l)
  • (la tariffa dell’acqua supera spesso i 3 €/m3!).

 

Qualche gesto di buon senso

– Per cominciare, reintegrando a livello intellettuale il fatto che l’acqua è un bene prezioso da rispettare, indipendentemente dalla nostra posizione geografica.

-private la doccia (50l contro 150 per un bagno), riducete la sua durata, chiudete il miscelatore durante l’insaponatura. Se non avete paura di sembrare un contadino, potete anche semplicemente lavarvi con un guanto. E sì, avreste dovuto pensarci!

– Spegnete l’acqua mentre insaponate il corpo o le mani, vi lavate i denti, lavate i piatti a mano – comprate una lavastoviglie di categoria A.

– gestire la pressione: se è troppo alta, installare a monte un riduttore di pressione (30 €) (fino al 30% di risparmio).

– pianificare tubazioni corte (scaldabagno vicino al bagno), isolarle per evitare che

perdita di calore e sprechi in attesa di acqua calda al rubinetto .

– Installare sistemi per il recupero del troppo pieno (vaso di espansione) dovuto all’espansione dell’acqua calda,

– sostituire i rubinetti con rubinetti a tempo che si chiudono automaticamente (un lavaggio a mano può assorbire da 10 a 15 l, soprattutto se si è in attesa di acqua calda!), con rubinetti miscelatori di fascia alta, valvole riduttrici di pressione.

– programma di lavatrice più breve.

– Dichiarare guerra alle perdite.

– recuperare l’acqua usata per sciacquare le verdure per innaffiare le piante,

– IMPORTANTE 2° POST DI CONSUMO: cambiare lo sciacquone del WC; alcuni vecchi modelli offrono 20 l per un uso; quelli nuovi con doppio pulsante offrono 3, 6 o 9 l. Nel peggiore dei casi, è ancora possibile posizionare una o due bottiglie piene d’acqua o di sabbia all’interno (evitare di sbriciolare i mattoni!) o abbassare il galleggiante ruotando lo stelo verso il basso.

 

Il serbatoio della toilette è la seconda stazione di consumo dell’acqua dietro le vasche e le docce; acqua, ricordiamoci perfettamente potabile, controllata per scopi alimentari! Se il riempimento con acqua piovana è una risposta, i bagni asciutti sono un’altra. Il principio è molto semplice: un sedile e un secchio sotto; dopo l’uso, la lettiera (a base di segatura, brandelli di verdura, cartone triturato,…) viene versata sopra il dejecta che, assorbendo i liquidi, blocca lo sviluppo degli odori e avvia un processo di compostaggio. Non resta che svuotare regolarmente il secchio sulla compostiera, dove i microrganismi si occupano dei germi fecali.

Rispettare la natura significa anche mangiare bene
Vestiti bio & ecologici